| Home | Chi Siamo | Programma | Abbonamenti | Schede Film | Contatti | Links |

Cerca i film che piu' ti interessano tra quelli proposti. Lascia i campi di ricerca vuoti per un elenco completo.
Titolo Anno Regista Cast
Scheda del film

  

Titolo     MARIE CURIE
(idem - Polonia - Germania - Francia - 2020)

Anno     2020
Regia     Marie Noëlle
Interpreti     Karolina Gruszka, Arieh Worthalter, Charles Berling,
Soggetto     Marie Noëlle
Sceneggiatura     Marie Noëlle, Andrea Stoll
Fotografia     Michal Englert
Costumi     Christophe Pidre
Scenografia     Eduard Krajewski
Musica     Bruno Coulais
Montaggio     Lenka Fillnerova, Hans Horn, Marie Noëlle
Effetti speciali     -
Durata     1h 40min
Sito     https://www.youtube.com/watch?v=Eh1F8vGZUWE
 Il Film
Fisica e chimica di origine polacca, Marie Sklodowska-Curie è una pioniera nello studio della radioattività. Prima donna a essere stata nominata dottoressa in fisica, professoressa alla Sorbonne, e ad aver ricevuto il premio Nobel sia in Fisica che in Chimica.

 Il Regista
Racconta la regista: «Avendo io stessa un background scientifico, ho conosciuto la vicenda di Pierre e Marie Curie che ero ancora molto giovane. Già da studentessa Marie Curie era il mio idolo, e ho divorato molti libri che la riguardavano.

 I Commenti dei critici
Ma i premi Nobel fanno l'amore? E se donna, è ovvio che qualche antipatico si chieda, saranno anche brave mamme? E se donna e madre ma con due Nobel dove andrà a finire la famiglia? Marie Curie fu tutto questo. due Nobel. un marito e poi un amante amati e innamorati, due figlie e infine protagonista di uno scandalo addirittura mondiale che si intrecciò con la vergogna del caso Dreyfus. I ricordi scolastici, non so ora, sono di una vecchina piegata su strumenti allarmanti. tutta radio e polonio, ancora oggi ricordata come fenomeno, in quanto femmina, di dedizione alla scienza al servizio del marito Pierre, certo più scienziato di lei in quanto maschio. Allora grazie a Marie Noèlle. regista e sceneggiatrice di Marie Curie che ci restituisce nei limiti di un film la storia di una donna giovane bella di grande creatività e impegno, che in tempi di totale nullità femminile, non credo per femmmismo ma perché conscia deI suo valore, lottò per farsi riconoscere e ottenere quel che era certa di meritare. La luce dello schermò è Karolina gruszka. un'attrice polacca che sa essere la polacca Marie, dalla straordinaria chioma rossa, bellissima come sanno esserlo le donne non belle, un corpo leggero e flessuoso, un'energia incrollabile, una sensualità imperiosa (...) Ricordarsi poi, tra un MeToo e l'altro, che per la Fisica le signore premiate sono oggi 4 su 160, e per la Chimica 3 su 204.
(Natalia Aspesi - marzo 2020 - La Repubblica)

(...) il film, protagonista Karolina Gruszka, che ha una fisicità perfetta per il ruolo, insieme fragile e imperiosa, trae forza dall'inevitabile parallelo tra i tempi di oggi e di allora. Vedova d Pierre Curie, con cui, nel 1903, aveva vinto il premio Nobel, Marie si innamora del matematico Paul Lngavin, vivendo una relazione che all'epoca fece scandalo. Essere donne comporta carichi di scelte e categorie di giudizi che per gli uomini non esistono. Per questoMarie Curie è, ancora adesso, una di noi.
(Fulvia Caprara - marzo 2020 - La Stampa)

 Note
Il destino delle famiglie Curie e Langevin resterà intrecciato anche nel futuro: due generazioni più tardi la nipote di Marie, Hélène Curie, e il nipote di Paul, Michel Langevin, entrambi scienziati, si innamoreranno per poi sposarsi.

  


Il Club 35mm - Tel: +39 348 266.26.96 - Email: info@ilclub35mm.com