| Home | Chi Siamo | Programma | Abbonamenti | Schede Film | Contatti | Links |

Cerca i film che piu' ti interessano tra quelli proposti. Lascia i campi di ricerca vuoti per un elenco completo.
Titolo Anno Regista Cast
Scheda del film

  

Titolo     ARRIVEDERCI RAGAZZI
(Au revoir, les enfants - Francia-Belgio - 1987)

Anno     1987
Regia     Louis Malle
Interpreti     Gaspard Manesse, Francine Racette, Irène Jacob
Soggetto     Louis Malle
Sceneggiatura     Louis Malle
Fotografia     Renato Berta
Costumi     -
Scenografia     Willy Holt
Musica     Schubert, Saint Saens
Montaggio     Emanuele Castro
Effetti speciali     -
Durata     105 min
Sito     https://www.youtube.com/watch?v=Tlzo0Wg-HY0
 Il Film
Tre ragazzini ebrei, clandestinamente ospitati in un collegio cattolico, sono prelevati, in seguito a una spiata, dagli sgherri della Gestapo. Lo sguardo e la coscienza di Julien sono la guida del film. L’interlocutore privilegiato di Julien è Jean. Jean è un ragazzo ebreo in un collegio cattolico, e perciò è diverso dagli altri. Se la funzione di Julien è quella dell’occhio, dello sguardo, la funzione di Jean è quella dell’orecchio, dell’ascolto.

 Il Regista
Secondo film esplicitamente autobiografico di Louis Malle dopo "Il soffio al cuore", aveva esordito con "Il mondo del silenzio" lavotando al seguito di Jacques Cousteau.Molti i suoi titoli famosi: "Les amants", "Soffio al cuore", "Cognome e nome Lacomne Lucien", "Pretty Baby".

 I Commenti dei critici
Con Arrivederci, ragazzi Louis Malle non ha ripreso solo temi che hanno nel cinema una grande e sofferta tradizione (il collegio, l'educazione cattolica, le prime curiosità sessuali; e, insieme, la guerra, l'occupazione, la condizione degli ebrei perseguitati); ma ha voluto tornare alla Francia, dopo tanto lavoro americano e americanizzante, e alla garanzia della propria esperienza infantile per una specie di reintegrazione cinematografica. Ha voluto fare adesso il film che aveva immaginato per il suo debutto, col varco degli anni in mezzo, con la maturità raggiunta nel frattempo.
(Stefano Reggiani - La Stampa - settembre 1987)

Ogni tanto qualche collega ha la benevolenza di ricordare l"emozionometro", una sorta di applausometro interiore capace di registrare ciò che la proiezione di un film produce all'interno di uno spettatore-cavia. Fingevo di averlo inventato nel resoconto veneziano sulla proiezione di "Arrivederci ragazzi" (1° settembre), scrivendo "lo strumento è addirittura impazzito ... e alla fine l'emozione era tale che ho dovuto staccare i contatti. E sforzarmi di non far vedere, mentre si riaccendevano le luci in sala, che avevo gli occhi lucidi. Un critico non piange altrimenti gli tolgono la tessera. Insomma, come avete capito, l'invenzione dell"emozionometro" era un trucco per dissimulare l'emozione provata e dichiararla nello stesso tempo. Perché il film di Louis Malle, per chi ha vissuto gli anni di tenebra dei quali parla è un sasso lanciato nello stagno dei ricordi. (...) Sfido che l"emozionometro" impazzisce mentre ci torna dallo schermo un pezzo della nostra vita. Bisognerebbe vedere come reagirebbe applicato a qualcuno che quegli anni non ha fatto tempo a viverli. Così scrivevo da Venezia, ma ora anche gli studenti milanesi hanno accolto il film con appassionato interesse (...) Si tratta di un film stupendo in cui Malle sembra rendere omaggio a Truffaut e, ancora più indietro, all'immortale Jean Vigo di "Zéro de conduite". C'è anche un omaggio tangibile a Charlot, di cui nel collegio dei preti si proietta "L'emigrante" con accompagnamento toccante di violino e pianoforte: e la citazione si interrompe su quella specie di retata di poveracci, allineati con il canapo in vista a Ellis Island, che Malle propone come una metafora inconsapevole dei campi di sterminio prossimi venturi (...)
(Tullio Kezich - La Repubblica - settembre 1987)

 Note
Louis Malle in stato di grazia ci dà il suo "Amarcord", la storia dei suoi anni di scuola in un collegio di provincia.

 Premi
Mostra del cinema di Venezia 1987: Leone d'Oro come Miglior film. David di Donatello: Miglior film straniero - Miglior regista straniero - Miglior sceneggiatura straniera. Premi César: Miglior film - Miglior regista - Miglior sceneggiatura - Miglior montaggio - Miglior scenografia - Miglior montaggio

  


Il Club 35mm - Tel: +39 348 266.26.96 - Email: info@ilclub35mm.com