| Home | Chi Siamo | Programma | Abbonamenti | Schede Film | Contatti | Links |

Cerca i film che piu' ti interessano tra quelli proposti. Lascia i campi di ricerca vuoti per un elenco completo.
Titolo Anno Regista Cast
Scheda del film

  

Titolo     COPIA ORIGINALE
(Can You Ever Forgive Me? - U.S.A. - 2018)

Anno     2018
Regia     Marielle Heller
Interpreti     Melissa McCarthy, Richard E. Grant
Soggetto     dal libro autobiografico di Lee Israel
Sceneggiatura     Nicole Holofcener
Fotografia     Brandon Trost
Costumi     Arjun Bhasin
Scenografia     Stephen H. Carter
Musica     Nate Heller
Montaggio     Anne McCabe
Effetti speciali     -
Durata     1 h 46 min
Sito     https://www.youtube.com/watch?v=jvjZo4FmTcA
 Il Film
La scrittrice Lee Israel per sbarcare il lunario ha l'idea di mettersi a comporre lettere di scrittori famosi scomparsi e spacciarli come autentici. Lei è brava a scrivere e d'altra parte gli scrittori non possono smentire.

 Il Regista
L'attrice e regista Marielle Heller ha esordito sul grande schermo con "Diario di una teenager" (2015). Ha poi lavorato come regista e come attrice per la TV,

 I Commenti dei critici
(...) "Copia originale" è un film raro. Mette insieme le solitudini di due marginali, Lee e Jack, mascherati dietro una facciata di cinismo e in lotta con un mondo che, ieri (l'azione si svolge nel 1991) come oggi, si fa beffe di chi non ha successo. Inoltre, cosa ancor più insolita, si prende il tempo necessario per farti familiarizzare con i personaggi, che osserva senza alcun pietismo.
(Roberto Nepoti - La Repubblica - febbraio 2019)

Nel 2007 la Alfred A. Knopf pubblicò a cua di Barry Day "The Letter of Noel Coward". Peccato che due successive letterine dell'importante epistolario non fossero autentiche: le aveva sapientemente vergate Lee Israel, giornalista e memorialista di discreta fama che, caduta in disgrazia dopo il flop di una sua biografia su Estée Lauder, aveva deciso di convertirsi in falsaria per pagare le bollette. Raccontando nel libro "Can You Ever Forgive Me?", a cui è ispirato il film di Marielle Eller, questa esperienza iniziata per caso nel 1991 e conclusasi nel 1992 con la condanna a cinque anni in libertà vigilata, la Israel confessa di non sentirsi pentita (...) sullo sfondo di un'elegante ambientazione newyorkese e sul filo di un copione (Nicole Holofcener eJeff Whitty, candidati all'Oscar) che scorre fedele al libro caricandosi di suggestioni letterarie - Melissa McCarty (nominata alla statuetta) scandisce il dramma dei suoi formidabili tempi conici, conferendo un tenero spessore umano a questo ritratto di inguaribile misantropia; e intrecciando un felice duetto con il britannico Richard E. Grant, in gara come attore secondario per la spudorata genuinità con cui incarna Hock. (...)
(Alessandra Levantesi Kezich - La Stampa - febbraio 2019)

 Note
Impressionante la trasformazione fisica di Melissa McCarty per entrare nella parte. Per il ruolo della protagonista si era inizialmente pensato a Julianne Moore.

  


Il Club 35mm - Tel: +39 348 266.26.96 - Email: info@ilclub35mm.com